zero.eu, aprile 2014
Emma Dante

Le sorelle Macaluso

Ha diretto la “Carmen” alla Scala, ha scritto un libro, ha girato un film che ha vinto dei premi al Festival di Venezia, portando finalmente il suo nome oltre i confini nazionali.
Ma Emma Dante è davvero nel suo solo quando si sporca le mani con il teatro e affonda le braccia fino ai gomiti nella terra e nella vita per impastare le sue storie, sempre a cavallo tra comicità grottesca e nostalgia straziante.
Come in questo ultimo lavoro, storia di lutti, memoria e “codici del cuore” di una famiglia matriarcale, ovviamente palermitana: una folla di anime imperfette, chiassose, colorate, in confusione tra la vita e la morte.
Veglia funebre, affollato dormiveglia, flusso di ricordi, ma soprattutto rito. Che in fondo è la prima natura del teatro.


Giorgia Marino | 2011